26/01/15

UFAG #285: "GUS vol. 1"


Ho già parlato altre volte (qui, qui e un po' anche qui) di Christophe Blain, l'autore francese di questo fumetto, e anche adesso non posso fare a meno di esprimere il grandissimo piacere, quasi fisico, provato a leggere e guardare il primo volume di Gus, un western con ampi risvolti romantici pubblicato in patria nel 2007-2008 (3 album) e arrivato da noi soltanto adesso.
Non amo molto il formato classico del graphic novel, che riprende quello un po' costretto dei romanzi senza disegni, e quindi è anche per questo che mi esalto ad avere fra le mani album così: di grande formato, con la copertina cartonata e con quel particolare profumo di stampa che funziona come una madeleine proustiana. E poi il colore, un arancio così pieno e vivido (che qui purtroppo non rende bene) che penso possa esistere solo sulla copertina di un fumetto, come promessa di avventure scatenate e amori pieni di passione. Ed infatti è proprio così, perché i tre protagonisti Gus, Gratt e Clem sono tre banditi che assaltano treni e rapinano banche ma il cui vero interesse sembrano essere soprattutto le donne.
È curioso, a questo proposito, osservare come l'autore non dedichi che poche vignette alle scene avventurose, mentre la maggior parte delle tavole sono occupate da tentativi di approccio con l'altro sesso, passioni consumate con ardore e riflessioni sui rapporti uomo-donna che sono le stesse che facciamo noi tutti i giorni. Insomma, più degli sceriffi e dei cacciatori di taglie, possono le deliziose signore che incontriamo pagina dopo pagina, tutte in grado di disporre dei tre banditi come meglio credono.
Il volume è un concentrato riuscitissimo di umorismo, romanticismo e azione, reso al meglio dagli strepitosi disegni di Blain, così fluidi, sintetici e caricaturali al punto giusto da rappresentare quasi la quintessenza del fumetto. Anche per il gusto e l'attenzione con cui sono stati ideati i vari personaggi, tutti caratterizzati in modo forte da qualche particolare fisico o dell'abbigliamento, nella migliore tradizione dei cartoon. Per molti versi mi ha ricordato questo lavoro di Federico Maggioni, che ha la stessa freschezza ed energia. Si tratta, in conclusione, di un'autentica goduria per gli occhi e lo spirito, da sfogliare e rileggere tante volte in attesa del volume successivo, fortunatamente già annunciato e di prossima uscita. Non fartelo scappare!

Il libro ha 80 pagg. a colori, costa 16€ e puoi trovarlo in libreria, in fumetteria e ovviamente presso l'editore (qui).

Voto: 9

Alessio Bilotta


Nessun commento: