07/01/15

JE SUIS CHARLIE HEBDO

"We are all Charlie", illustrazione di MP5 apparsa sulla sua pagina Facebook
Non riesco a trovare parole adeguate per esprimere il dolore, la rabbia e l'enorme tristezza che provo in questo momento. Riesco solo a pensare che il feroce attacco alla redazione del giornale satirico Charlie Hebdo, dove hanno perso la vita 12 persone con altri 11 feriti gravemente, è anche un'azione che colpisce forte una delle libertà più preziose che abbiamo, la libertà di ridere di tutto. Spero che la risposta del mondo civile sia data attraverso la cultura e l'intelligenza, che rimangono ancora, ne sono convinto, le armi migliori per sconfiggere la violenza.
Esprimo la mia partecipazione a questa terribile tragedia ricordando i nomi delle persone uccise (fonte):
- Stéphane Charbonnier (alias Charb), disegnatore e direttore della rivista;
- Jean Cabut (alias Cabu), disegnatore;
- Georges Wolinski, disegnatore;
- Bernard Verlhac (alias Tignous), disegnatore;
- Philippe Honoré (alias Honoré), disegnatore;
- Bernard Maris, economista e collaboratore;
- Mustapha Ourad, redattore;
- Elsa Cayat, psicanalista e collaboratrice;
- Michel Renaud, ex amministratore del comune di Clermont-Ferrand;
- Frédéric Boisseau, addetto alla manutenzione dello stabile;
- Franck Brinsolaro, poliziotto di scorta a Charb;
- Ahmed Merabet, poliziotto.

Che la terra vi sia lieve.

Alessio Bilotta

La rubrica "Un fumetto al giorno" riprenderà più avanti, dopo questi giorni di lutto.

Nessun commento: