24/10/14

UFAG #217: "WEATHERCRAFT"


Oggi è il turno di Jim Woodring, un altro di quei cartoonist purtroppo semisconosciuti in Italia, ma che in realtà è uno fra gli autori contemporanei più innovativi, personali e premiati.
È difficile sintetizzare la trama di questo libro, così come quella di tutti i suoi lavori, perché sarebbe come tentare di raccontare certi sogni o magari un'allucinazione, cioè esperienze sconvolgenti e profonde ma delle quali sfuggono tutti i dettagli. In breve, si tratta di un percorso abbastanza classico di sofferenza/riscatto/vendetta compiuto da Manhog, una sorta di maiale antropomorfo che è uno dei personaggi ricorrenti di Woodring, al pari di Frank, forse la sua creatura più famosa, e del malvagio Whim, anche loro presenti nella storia. È un fumetto completamente privo di balloon, didascalie ed onomatopee, e tutte le potenti suggestioni del trip narrativo sono affidate al segno sicuro dell'autore, che mescola in modo decisamente bizzarro i vecchi cartoni dei fratelli Fleischer con il surrealismo di Dalì, ma sempre tenendo ben presenti i numi tutelari degli underground comix americani, con Crumb in prima linea.
Le tavole sono cariche di simbolismi e citazioni mistiche, ma non è così importante riuscire a decifrare tutto, perché quello che conta è lasciarsi trasportare nel folle Unifactor, cioè il mondo dove si svolgono le avventure di questi personaggi, ed assistere alle continue mutazioni del paesaggio e degli esseri che lo popolano, oltre che alle evocazioni/apparizioni di creature inquietanti, che sembrano microrganismi composti di materiali preziosi, oppure ramificazioni vegetali costituite da secrezioni biologiche. Ma anche questi tentativi di definirle, per quanto strani, non rendono affatto giustizia alle allucinanti suggestioni visive stimolate dal libro, che davvero danno l'impressione di scaturire direttamente da una dimensione parallela, alla quale forse è possibile accedere in altro modo solo assumendo sostanze che alterano la percezione.
Un'esperienza di lettura/visione unica e inspiegabile, che dimostra in modo splendido quali siano le potenzialità ancora tutte da esplorare del fumetto.

Il libro è stato pubblicato nel 2010, ha 104 pagg. in b/n, costa 13€ e si può richiedere in libreria oppure direttamente all'editore (qui).

Voto: 9

Alessio Bilotta


Nessun commento: