08/04/14

UN FUMETTO AL GIORNO? OGGI "VERSO UNA NOBILE MORTE"


Secondo Scott McCloud, autore del fondamentale saggio Capire il fumetto, la “mascheratura” è un espediente grafico-narrativo che, contrapponendo personaggi disegnati in modo iconico a fondali o cose disegnati in modo realistico, favorisce sia l’identificazione del lettore con il protagonista, sia l’estraneità dello stesso lettore a questi elementi, diciamo così, “oggettivizzati”. Di questa tecnica sono stati maestri molti autori giapponesi, fra i quali possiamo senz’altro inserire il grandissimo Shigeru Mizuki, forse secondo solo a Osamu Tezuka come rilevanza nella storia dei manga.
Nel fumetto che proponiamo oggi, un amarissimo e deciso atto d’accusa contro l’insensatezza della guerra, pubblicato in Giappone nel 1973, Mizuki utilizza al meglio la “mascheratura”, catapultando il lettore in un ambiente estraneo ed ostile, nel quale la natura e i mezzi militari sono disegnati nei minimi dettagli, rafforzando così la paura e il rifiuto della morte dei protagonisti, rappresentati invece con pochi e semplici tratti. Emblematiche e bellissime, da questo punto di vista, le tavole finali, in cui i cadaveri di alcuni personaggi perdono qualunque tratto “cartoonesco” e vitale per trasformarsi in tragici e immobili fantocci, appesantiti e resi tangibili dal realismo del tratteggio. Si tratta di un duro attacco anche alla sciocca convinzione, condivisa probabilmente da tanti, che per i giapponesi comportarsi da kamikaze fosse davvero una prospettiva felice, ma è soprattutto un grandissimo atto d’amore verso il fumetto e le sue enormi potenzialità.

Alessio Bilotta

VERSO UNA NOBILE MORTE
(Soin gyokusai seyo!)
Rizzoli Lizard | 368 pagg. b/n | 22 €

Sceneggiatura e disegni di
Shigeru Mizuki

Reperibilità:
è uscito ad agosto 2013, si trova in libreria,
fumetterie e sui circuiti online

Voto: 100


Per saperne di più:



Nessun commento: