03/04/14

UN FUMETTO AL GIORNO? OGGI "GIOVENTÙ SOVIETICA"


La Russia non ha nessuna tradizione fumettistica di rilievo, cosa che un po’ stride con gli importanti contributi dati da questo Paese nel campo dell’animazione: forse il regime comunista non riteneva che il fumetto fosse degno di considerazione, magari perché veniva identificato solo come un sottoprodotto della cultura antagonista, quella americana. Chissà. Anche per questa ragione, quindi, il lavoro di Nikolaj Maslov riveste una grande importanza, perché se non è l’unico romanzo grafico ad essere stato realizzato da un autore russo, è sicuramente il primo ad essere stato tradotto con successo in occidente. Come spiegato nell’introduzione, il 45enne Maslov si presentò nel 2000, con i suoi disegni sottobraccio, all’editore che pubblicava Asterix in Russia, chiedendogli un anticipo per portare a termine la sua opera. L’editore in questione, Emmanuel Durand, acconsentì, e il risultato è questa autobiografia aspra e malinconica, dove il protagonista lotta strenuamente per preservare il suo spirito e il suo amore per la bellezza, pur venendo quasi sopraffatto dalla brutalità di una società alienante e disperata. Il libro è interamente disegnato a matita, senza nessun ripasso a china, con uno stile un po’ scolastico ma sincero e forte nella sua semplicità, che risulta efficace ed estremamente comunicativo.
Se penso alle immagini che ci arrivano della Russia di oggi, mi vengono in mente oligarchi oscenamente ricchi, vizio e corruzione, ma anche grande povertà, alcolismo, carri armati e la totale assenza di democrazia: forse leggendo fra i margini delle vignette di questo fumetto, si può capire come ci si è arrivati.


Alessio Bilotta

GIOVENTÙ SOVIETICA
(Une jeunesse soviétique)
all'interno del volume:
SIBERIA
Alet Edizioni | 208 pagg. b/n | 15 €

Sceneggiatura e disegni di
Nikolaj Maslov

Reperibilità:
il libro è uscito nel 2007, si può trovare
nei circuiti di vendita online

Voto: 8

Nessun commento: