22/05/12

0,6%, IN CRESCITA



"Cresce il successo dei fumetti, specialmente nelle edizioni per adulti. Nel complesso dell’editoria italiana pur rappresentando solo lo 0,6% della produzione totale, i fumetti registrano, fra il 2005 e il 2010, un incremento del 21,6% per i titoli, del 16,3% per le pagine e del 55,4% per le tirature".
Questa la sorprendente conclusione dell'articolo apparso ieri su TG1 on-line, a commento del rapporto ISTAT su "La produzione e la lettura di libri in Italia".
Che dire? Editori e addetti ai lavori stanno ballando sull'orlo del baratro, oppure, per citare Dalì, il fumetto sarà veramente la cultura dell'anno 3794?

18/05/12

ERNIE CHAN (27/07/1940 - 16/05/2012)

Si è avuta oggi la notizia della scomparsa di Ernie Chan, disegnatore e inchiostratore di origini filippine molto attivo negli anni '70 su numerose testate Marvel e DC e ricordato soprattutto per i suoi lavori su Conan e Batman.
So long, Ernie!

CONSIGLI PER IL WEEKEND

Qualche utile suggerimento per suggestive gite fuori porta.

A Bologna, presso la Galleria Squadro, sabato 19 alle ore 19:30, inaugurazione della mostra "così su due piedi", di Ericailcane e Stefano Ricci.


Sempre sabato 19, ma stavolta a Perugia presso la Galleria Miomao, alle 18:30 inaugurazione della mostra  "Mondo Pop Show", a cura di Serena Melandri e David Vecchiato, dove saranno esposte le opere di alcuni dei migliori artisti della "Urban e Pop Surrealism Art". Fra questi, anche Glenn Barr, Gary Taxali, Dan Barry e lo stesso David "Diavù" Vecchiato.


Comunque, senza nulla togliere a queste straordinarie mostre, l'evento più figo del weekend inizia oggi all'Università di Chicago. Comics: Philosophy & Practice, conferenze ed incontri con praticamente tutti i grandissimi della scena americana: Charles Burns, Daniel Clowes, Robert Crumb, Joe Sacco, Art Spiegelman, Seth, Chris Ware... Wow!!! Quand'è il primo aereo?



Buon weekend!

17/05/12

STRANIERI IN PARADISO, ITALIANI ALL'INFERNO

Oggi, sulla pagina Facebook di Terry Moore, autore noto soprattutto per la serie "Strangers in Paradise", è apparso questo:


Per chi non lo sapesse, "Strangers in Paradise" è stata una lunga serie di culto realizzata interamente da Moore, proseguita quasi 14 anni (dal 1993 al 2007) e per oltre 100 numeri e vincitrice anche di un premio Eisner. Qui la voce di Wikipedia e qui il sito ufficiale.
Certo, sarebbe utile sentire anche l'opinione della Free Books, e ci auguriamo che questo accada presto, ma al momento sembra solo una enorme figuraccia. Peraltro, sul loro sito, i volumi risultano ancora in catalogo. "Illegale, non autorizzato e non pagato": sembrano tutti aggettivi perfetti per descrivere un certo tipo di Italian style che, purtroppo, non accenna a passare di moda...

16/05/12

Footballoons

Il rapporto fra calcio e fumetto non ha mai prodotto grandi risultati, almeno alle nostre latitudini.
Forse le uniche eccezioni sono rappresentate dai "campionissimi" dei manga sportivi, fra i quali ricordiamo senz'altro Capitan Tsubasa e Shingo Tamai, che personalmente amo molto di più per ragioni anagrafiche e che vediamo qui sotto in un'improbabile versione italica (scovata grazie al Dr. Manhattan):


Sembra che anche gli inglesi, inventori del gioco, abbiano una bella tradizione. Questo libro qui sarà uno dei miei prossimi acquisti:


Da noi, invece, dove l'epica e l'iperbole appartengono esclusivamente alla cronaca delle partite, sembra che siano stati pubblicati solo misteriosi oggetti editoriali di gusto perlomeno dubbio. Ecco qualche esempio:

Lady Viola contro il Gobbo Malefico, distribuito allo stadio di Firenze

Ogni commento è superfluo, credo

Forse alla fine, la cosa più bella rimane un vecchio progetto di Slowcomix, purtroppo rimasto ancora incompiuto, che ripropongo con orgoglio:

Beh, per oggi è tutto, ma la ricerca continua. Possibile che in Sudamerica non abbiano mai fatto niente?

15/05/12

Cold Turkey - GOSH! London UK

Cari true believers, eccoci qui di nuovo con la rubrica dedicata ai veri globetrotter del fumetto: mentre bevi un Martini ghiacciato sulla spiaggia di Acapulco, circondato da pupe latine, senti improvvisamente il bisogno di documentarti sulle più vibranti novità in fatto di historietas, per poi poter impressionare gli amici al baretto? Eccoci qua, gli esperti connoisseur di Slowcomix ti segnalano i posti migliori dove documentarti.
Non ad Acapulco (perlomeno non oggi), ma a Londra.

GOSH! Ah, GOSH!, amata GOSH! Quella che forse è la nostra fumetteria preferita in Albione ha da poco abbandonato gli storici locali vicino al British Museum (concludendo con il botto con un incontro pubblico con Alan Moore e Kevin O'Neill) e si è trasferita nel cuore di Soho, nel quartiere a luci rosse - che però è zona culturalmente viva, decisamente ricca e abbondantemente turistica.
GOSH! ha un cartellone di eventi decisamente appetibile: basta contare che, solo negli ultimi mesi, gli events hanno visto la partecipazione di gente tipo Campbell, Thompson, Peeters, McKean, Ware e Clowes (insieme!), Tomine, e Alan Moore è un ospite fisso ogni volta che pubblica qualcosa, fosse pure la lista della spesa.
Ma veniamo a noi: piano interrato dedicato alle pubblicazioni mainstream, un'unica stanza con gli albetti di supereroi debitamente incellofanate e catalogate (non un filo di polvere, gente). Al piano di sopra le pubblicazioni di pregio maggiore e (incongruamente) underground. Questo perché, come dicono loro stessi, GOSH! è "the culture of comics": si privilegia la qualità, tanto che spesso, pubblicizzati in vetrina, ci ho trovato albi decisamente di nicchia e decisamente belli. Dimenticatevi le action figures, dimenticatevi Naruto, dimenticatevi il fumetto del film dei Vendicatori. A GOSH! troverete fumetti belli, e questo è quanto (e anche qualche fumetto autoprodotto disegnato da cani, ma questo fa parte del fascino).

Altre immagini dal vostro inviato, qui.

UN GATTO FRA I LEONI

In questi giorni sta girando su Facebook un sondaggio per l'attribuzione dei "Leoni di Narnia", cioè i premi che saranno consegnati in occasione di Narnia Fumetto nel prossimo settembre.
Non do molto valore a queste iniziative, però votare è divertente, e anch'io l'ho fatto. Anzi, ho anche aggiunto un nome per la categoria "miglior albo unico o graphic novel", nella quale, secondo me, mancava un titolo fondamentale uscito negli ultimi tempi. Sto parlando di "Gatto Mondadory e il telefonino fatato", del geniale Dr. Pira: un volume folle e prezioso, disegnato con uno stile che sta a metà fra gli scarabocchi di un bambino punk e le miniate medievali di qualche mago stravagante. E che svela anche grandi verità, in modo semplice e diretto, come solo i matti e i profeti sanno fare. Se non l'avete ancora letto, andato e recuperarlo, difficilmente troverete qualcosa di più originale e divertente.

Qui l'imperdibile trailer del libro.

13/05/12

I fumetti che non ti aspetti

Invito tutti ad acquistare l'edizione domenicale del "Corriere della Sera", che contiene l'inserto culturale "La Lettura", giunto oggi al numero 26. Al di là degli altri contenuti, comunque interessanti, consiglio l'inserto per la sezione Graphic novel, 2 pagine a fumetti affidate di volta in volta ad autori diversi. Questa settimana è il turno del grandissimo Vittorio Giardino, che racconta un episodio della Guerra civile spagnola utilizzando uno stile abbastanza diverso da quello al quale siamo abituati, meno pulito e quasi caliginoso. Sicuramente lo spazio a disposizione è poco, ed in effetti la narrazione ne soffre, però credo che la scelta del Corriere sia comunque significativa, sebbene non nuova, ricordando anche quanto già fatto da "Internazionale". Forse questa è solo una moda passeggera, o forse il fumetto tornerà davvero alle sue origini, ma penso che valga la pena restare a vedere cosa succede.


Grazie a Filippo per la segnalazione.

11/05/12

DENTRO IL PENTOLONE

Da ieri Slowcomix è ufficialmente dentro il Pentolone, un'associazione della nostra città (Prato) che raccoglie varie altre associazioni operanti in ambiti culturali e di volontariato. Questo, oltre a darci la possibilità di confrontarsi e collaborare con altre realtà cittadine, ci consentirà anche di poter disporre degli spazi di Officina Giovani, un luogo molto interessante ricavato nei locali degli ex Macelli Comunali e dotato di diversi servizi e infrastrutture.
Dopo aver abbandonato la dimora natale ed aver vagabondato un po' per sistemazioni di fortuna, quindi, Slowcomix diventa grande e trova una collocazione fissa: presto novità sulle riunioni, che saranno tenute regolarmente con cadenza almeno mensile.

10/05/12

Maurice Sendak (10/06/1928 - 08/05/2012)

Ciao Maurice, che il viaggio ti sia lieve. Una cena ancora calda ti aspetta.


Qui un bel ricordo di Luca Boschi del grande scrittore ed illustratore da poco scomparso, noto soprattutto per il libro "Nel paese dei mostri selvaggi".

09/05/12

MANDRACCA

WARNING! POST VIETATO AI MINORI!
Proprio nel post di ieri rimandavo al blog "The Groovy Age of Horror": era un po' di tempo che non lo visitavo, e mi sono accorto, con colpevole soddisfazione, che questi ragazzacci stanno dedicando un sacco di spazio ai vecchi tascabili a fumetti italiani con tematiche porno-horror che tanto successo ebbero negli anni '70. Chiaramente si tratta di materiale di qualità bassissima, fatta eccezione per alcune copertine dipinte davvero di grande effetto, ma non vorrei che, come è già successo con certo cinema di genere italico, questi qua avessero l'occhio più lungo del nostro. Forse è giunto il momento per un revamping di Sukia, Cimiteria e Belzeba. O forse no. Intanto, godetevi Mandracca.

Tanto, ci pensa Alain Velon



08/05/12

CHI LO SA?

Da oggi disponibile, sia in edicola che in libreria, l'ennesima ristampa di Tex, stavolta dedicata agli scontri con l'arcinemico Mefisto e pubblicata da Mondadori. C'è anche un cofanetto per raccogliere i 5 volumi. Qui tutti i dettagli.
Devo ammettere che certe iniziative mi lasciano un po' perplesso, considerando che la ristampa integrale di Tex allegata al quotidiano "La Repubblica" si è conclusa solo qualche mese fa; ma probabilmente sono state proprio le vendite eccezionali di quella serie a far lanciare quest'ultima iniziativa. Non possiamo sapere chi saranno i lettori, ma mi chiedo: queste ristampe infinite ne attireranno di nuovi? Serviranno a far crescere una nuova generazione di appassionati? Oppure a collezionarle saranno sempre le stesse cariatidi, condannate alla prossima estinzione dall'età e dai rapporti fra consanguinei? Qualcuno lo sa?
Magari mi sbaglio, ma chi è abituato ai ritmi forsennati di un manga o, peggio, di un videogioco, credo che difficilmente possa interessarsi alle storie compassate e ingiallite di Tex. O di Zagor. O di Diabolik.
Da appassionato, mi augurerei anche che, in mezzo a tutte queste riproposte ridondanti, qualche editore un po' più originale avesse voglia di ristampare in modo intelligente, che so, Battaglia, Scòzzari, alcuni Disney italiani o magari anche il meglio delle pubblicazioni Bianconi. Al limite anche la Donna Ragna, perlomeno sarebbe un'iniziativa goliardica e oltraggiosa.

Action figure ante litteram, da Baravelli (metà anni '70 circa)



07/05/12

Il film più potente della Terra

Sembra proprio che "The Avengers" abbia le carte in regola per polverizzare tutti record di incasso, come si può presupporre da qui: 200,3 milioni di dollari nel primo weekend di programmazione in USA non sono affatto male.
A me il film è piaciuto, si tratta di un prodotto molto onesto, che mantiene tutte le promesse: epica, sentimentalismo, cazzottoni, effetti speciali straordinari e quell'humour di fondo che ci ricorda sempre di non prendere questa roba troppo sul serio. E poi c'è Scarlett Johansson.
Purtroppo la produzione è stata molto attenta a non ricordare il grandissimo Jack Kirby, l'immaginifico e possente disegnatore senza il quale tutto ciò non sarebbe esistito. Lo facciamo noi.


PS: saltellando qua e là sui social network, scopro questo simpatico finto trailer, una sorta di "what if...?" cinematografico, cioè "The Avengers" come se fosse stato fatto nel 1952. Roba da nerd, ma molto simpatica. Buona visione: http://www.youtube.com/watch?v=-fCTokuOU_E

06/05/12

IL MALE

Ogni tanto prendo “Il Male” di Vauro e Vincino. Lo prendo anche se ci sono un po’ di cose che non mi convincono, riassumibili sostanzialmente nel legame troppo forte della rivista con il suo passato, glorioso quanto si vuole, ma già trascorso da almeno 30 anni. Senza contare che, forse, alcuni vecchi leoni non mordono più con la stessa ferocia di un tempo. Lasciamo perdere le polemiche con Sparagna.
Lo prendo lo stesso, però, perché penso che riuscire a mantenere in edicola un settimanale di 52 pagine quasi tutte a fumetti, mediamente di buon livello, sia una scelta controcorrente e una bella cosa. Comunque. E poi perché ci sono le vignette di Vincino, e quelle sue strepitose miniature in testa (quasi) ad ogni pagina. E poi c’è il Signor Dukakis di Akab, e poi le copertine di Liberatore. Sì, se anche ci fossero solo quelle, penso che lo prenderei lo stesso.

05/05/12

Adam Yauch (05/08/1964 - 05/05/2012)

Scompare a 47 anni Adam Yauch dei Beastie Boys.
Lo ricordiamo con il video di "Body Movin'", parodia del film su Diabolik di Mario Bava, dal quale riprende diverse sequenze:

http://www.youtube.com/watch?v=uvRBUw_Ls2o&ob=av2e

Locandina italiana del film di Bava

04/05/12

RICORRENZE

Come ci ricorda anche Google, 54 anni fa nasceva Keith Haring.


03/05/12

Uno Moralez

Non c'è niente da fare, vale sempre la pena leggere quello che scrivono artisti come Ratigher, non a caso autore di "Trama", uno dei migliori libri usciti negli ultimi tempi. Infatti leggo un'intervista sul suo blog e scopro un disegnatore incredibile che non avevo mai sentito, uno che definire inquietante è dire poco. Uno che ti trasporta dentro incubi mostruosi e osceni, angoscianti come le visioni di Suehiro Maruo o Hideshi Hino e freddi come la grafica di un videogioco anni '80. Non ho scoperto niente di lui, sembra che sia russo, ma in rete non si trova granché.
Uno Moralez per voi: godetevi qui il suo sito, e in particolare i racconti per immagini qui e qui.

02/05/12

Napoli COMICON 2012 - Premi Micheluzzi

Quasi tutti i premi più importanti assegnati a veterani del fumetto italiano e istituzioni dell'editoria nostrana: Igort per Mondadori (miglior fumetto), Gianfranco Manfredi per Bonelli (miglior serie dal disegno realistico), Massimo Mattioli per San Paolo (miglior serie dal disegno non realistico). Due nomi abbastanza insoliti come vincitori dei premi per miglior disegnatore (Matteo Alemanno) e miglior sceneggiatore (Marco Peroni).
Mi sorprende ancora, come già fu per l'ultima edizione di Lucca Comics, la premiazione di "Asterios Polyp" (miglior fumetto estero): non certo per l'assoluto valore dell'opera, quanto per il fatto che è un libro uscito in USA nel 2009.
Per quanto sia relativo, in generale, il valore dei premi ufficiali, e facendo comunque i complimenti sinceri a tutti i vincitori ed alla giuria, non posso fare a meno di notare che le scelte siano state poco propense ad evidenziare lavori particolarmente originali od innovativi, che pure nell'ultimo anno ci sono stati: Napoli restituisce un'immagine del fumetto italiano un po' troppo statica, forse non del tutto rispondente alla realtà.
Qui il palmarès completo.
Attilio Micheluzzi in un pensieroso autoritratto