31/12/12

'O TIEMPO SE NE VA


Nel tentativo di fornire una panoramica sintetica di quello che è successo nel 2012, mi sembra doveroso iniziare ricordando i tanti disegnatori che se ne sono andati per sempre negli scorsi mesi, e in particolare quelli che per me hanno significato di più, vale a dire Moebius, Joe Kubert e Sergio Toppi.
A livello più generale, in Italia, l'anno che sta per concludersi ha visto una ritrovata attenzione al mercato d'Oltralpe, con molti premi ad autori e opere francesi, compresa la consacrazione lucchese del grande Cyril Pedrosa, e la meritata affermazione, a suon di copie vendute, di un autore non ancora trentenne (quindi finalmente davvero giovane), e cioè Zerocalcare.

21/12/12

GESÙ SPACCA!

Inizio a scrivere questo post proprio nel momento esatto in cui dovrebbe finire il mondo. Non sta succedendo niente, come mai? Forse non ho tenuto conto dei fusi orari, come il cinese.
Vabbè, ad ogni modo devo soltanto dire che è Gesù il più forte di tutti, come dimostrano le immagini che agevoliamo.

Qui, ancora in fasce, viene scortato da Trider G-7 (da un numero del Corriere dei Piccoli del 1982, con tante grazie al Doc Manhattan che ha scovato queste meraviglie):


19/12/12

NON CE LA PUÒ FARE

Nonostante lunghe e faticose ricerche, non è al momento emerso nessun documento dal quale si può dedurre che Babbo Natale sia un tizio che sa farsi rispettare.
Ne ha buscate sempre, talvolta anche in modo imbarazzante, ad esempio qui, dove un non meglio identificato supereroe diversamente eterosessuale gli ruba persino i vestiti, dopo aver osato azioni sicuramente orribili, per fortuna risparmiateci dalla pietà della "closure":


Quella di farsi fregare i vestiti, e il ruolo, pare essere una sua caratteristica, come dimostrano anche le diapositive seguenti. Da notare i vezzosi risvolti in pelliccia di orso polare sfoggiati da Wonder Woman.

18/12/12

GROSSA CRISIS


Anche se nessuno si è preoccupato della nostra salute in questi lunghi giorni di assenza, noi di Slowcomix stiamo abbastanza bene. Certo, per come può stare bene chi attende prima la fine del mondo e poi il Natale, pur nella convinzione che il mondo sia già finito da un pezzo.
Ci sarebbero, in verità, tanti spunti interessanti da approfondire venuti fuori negli ultimi tempi, come ad esempio la questione se vi siano alcuni tipi di storia e/o certi modi di raccontare più adatti di altri alla grammatica e alla sintassi del Fumetto. Di sicuro, un qualcosa che può esistere solo in certi fumetti sono le zuffe fra pesi massimi, e soprattutto le domande che ne conseguono fra i loro lettori, esemplificate dal leggendario quesito "...è più forte Hulk o la Cosa?", che infestava come la rogna le pagine della posta degli antichi albi Corno.

19/11/12

A BRAVE NEW WORLD


Da pochi giorni è on-line il nuovo sito dedicato all'idolo delle fidanzate lontane, il paperello Palmiro creato da Sauro Ciantini, uno dei pochi Maestri italiani del Fumetto, e in particolare della striscia umoristica. E quando scrivo Maestro, non intendo un vecchio bacucco che sonnecchia svogliatamente sugli allori, no. Intendo un autore sempre originale e mai uguale a se stesso, che non smette mai di sperimentare nuove soluzioni grafiche e di linguaggio. Guardate i colori e la composizione dei 2 poster sul sito, se non ci credete: i riferimenti, come sempre, sono ad alcuni grandi illustratori e pittori o a fuoriclasse del Fumetto, forse nel tentativo di dimostrare che il nostro medium preferito può puntare molto più in alto di quanto non faccia di solito. Pur mantenendo quella freschezza e quella immediatezza che gli sono proprie.

16/11/12

IN PRIMA PAGINA

Illustrazione di Renzo Calegari tratta dal sito del Museo Italiano del Fumetto

Alcune notizie interessanti apparse negli ultimi giorni che mi sembrava giusto far rimbalzare anche qui.

Come segnalatomi dall'amico Nazareno Giusti (qui il suo articolo), il maestro Renzo Calegari (disegnatore, fra le altre cose, anche di molti episodi de "La storia del West" e di "Welcome to Springville") sta purtroppo attraversando un periodo di grande difficoltà, anche economica.
Per aiutare Renzo ad ottenere i benefici della Legge Bacchelli, si può sottoscrivere uno dei due appelli promossi da Vincenzo Mollica e Roberto Speciale.
Maggiori dettagli da Marcello Toninelli (qui) e da Luca Boschi (qui e qui). 

"Trama - Il peso di una testa mozzata" di Ratigher è ora disponibile in download gratuito direttamente dal blog di "XL", cioè qui. Il perché di questa coraggiosa scelta anti-crisi lo spiega sul suo blog direttamente l'autore, da parte mia non posso fare altro che consigliarvene immediatamente la lettura digitale e poi l'acquisto cartaceo, si tratta di un'edizione molto curata e ben fatta. E la storia è una delle migliori in assoluto uscite negli ultimi anni. Imperdibile, senza esitazioni.

Da ieri fino a domenica, a Livorno (scali del refugio) è in programma Combat Comics - microfestival sul fumetto di denuncia e realtà. Ammetto che il tema del festival non mi entusiasma un granché, e poi non ho capito cosa c'entra "Nirvana" di Pagani e Caluri con la denuncia e la realtà, però ci sono anche Pagliaro e Akab, e un sacco di eventi che sembrano perlomeno curiosi. Quindi da provare, senza dubbio. Qui la pagina FB dell'evento e qui il comunicato stampa.

Alessio Bilotta


15/11/12

LA CLINICA DEI FUMETTI ep. 2

Un numero di Tex deturpato da un illustre scarabocchiatore, Napolitano in persona 
Pensavate che ci fossimo scordati di voi, inguaribili collezionisti di pezzi rarissimi e a volte malconci?
Niente affatto, e quindi ecco qui un'altra serie di utilissimi consigli generosamente elargiti dall'esimio prof. Magni, che stavolta si occupa di scarabocchi.
Buona lettura!


Ciao a tutti, avere per le mani un albo deturpato da una firma e/o scritte varie è uno dei problemi più comuni che si riscontrano fra i collezionisti. Le indicazioni che darò qui di seguito vanno adottate sempre con una certa cautela, se non vi sentite in grado di operare rivolgetevi a chi lo fa comunemente.

10/11/12

SUPERFUMETTI IN FILM

Un particolare della locandina, gentilmente offerto dai Tatini
Gli amici del glorioso Cineclub Saraceno di Montemurlo (PO) propongono, a partire da stasera presso la sala polivalente "C. Banti" in piazza della Libertà, un ciclo dedicato alla figura del supereroe nel cinema.

07/11/12

PREMI "GRAN GUINIGI" 2012

Particolare della copertina de "I segreti del Quai d'Orsay" vol. 1, di Christophe Blain
A seguire la lista dei premi assegnati quest'anno a Lucca Comics & Games, completi di motivazioni e tratti direttamente dal sito ufficiale (cioè da qui).
Mi sembra che la giuria sia stata molto attenta a restituire una fotografia adeguata del mercato attuale, e noto anche un certo equilibrio nell'attribuzione dei premi. Molti vincitori francesi, ma del resto i cugini d'oltralpe stanno lavorando davvero bene, e comunque hanno sempre considerato il Fumetto come una forma espressiva degna del massimo rispetto. Chapeau a loro, quindi.

06/11/12

THE DAY AFTER THE DAY AFTER


Dei (tanti) fumetti presi a Lucca scriverò prossimamente, dopo averli letti. Anche i vincitori dei premi "Gran Guinigi" li pubblicherò domani, con calma. Oggi solo sensazioni sparse, dopo 4 giorni di fiera davvero intensi.
Dei 180.000,00 ca. visitatori hanno già parlato in tanti, sottolineando con entusiasmo l'ennesimo record di presenze. Spero quindi che, in virtù di questa crescita esponenziale, per la prossima edizione gli organizzatori ripensino meglio la logistica, visto che in certi momenti era fisicamente impossibile muoversi. Ho dovuto personalmente rinunciare a sfogliare un bel po' di volumi che non sapevo se prendere, proprio perché non sono riuscito a superare la barriera di carne umana sudata che mi divideva dai banconi.

31/10/12

MADELEINES & RAMEN

Anche per quest'anno ci siamo. Finalmente domani comincia la fiera di Lucca, anzi, per essere precisi, "Lucca Comics and Games 2012". Gli organizzatori non hanno l'abitudine di numerare le edizioni, ma per quanto mi riguarda sono 22 anni che ci vado, senza averne mai saltata una. Nemmeno le edizioni primaverili, che ci sono state fino a metà degli anni '90. Quelli erano davvero altri tempi, la fiera si teneva tutta all'interno del palasport e l'ingresso era gratuito. Non moltissima gente, e la possibilità di chiacchierare sulle scalinate con tutti i più grandi autori. L'isteria collettiva delle dediche a tutti i costi infatti non era ancora iniziata, e del resto i cosplayer non esistevano, credo, nemmeno in Giappone, mentre gli appassionati di giochi di ruolo, probabilmente, si ritrovavano di nascosto in cantine buie e malsane. Anche Halloween, ora che ci penso, era soltanto il titolo di una serie di film dell'orrore.

30/10/12

AND THE WINNER IS...

Domenica scorsa si è conclusa la quarta edizione del festival Young Station, di cui ho scritto qualche tempo fa e alla quale sono intervenuto come giurato per il concorso di fumetto.
Sono lieto che la giuria abbia premiato il lavoro che anche secondo me era di gran lunga il migliore, vale a dire "Impigliato" di Marta Sorte (classe 1990, qui il suo blog).
A seguire le tavole vincitrici, particolarmente riuscite sia a livello grafico che di story-telling e che, contrariamente a molte cose che si vedono in giro, hanno alla base anche un'idea piuttosto originale. Brava Marta!

Alessio Bilotta







28/10/12

LUCCA COMICS AND GAMES 2012: CONSIGLI PER GLI ACQUISTI

La svolta ideologica di "Mammaiuto", profilattici per amanti dei fumetti (e non solo)
Domani comincia la settimana della manifestazione lucchese, che costituisce ormai da molti anni l'Appuntamento (con la "A" maiuscola) più importante per tutti gli appassionati e gli operatori del settore.
Con questo post vorrei segnalare alcune novità editoriali presenti a Lucca, senza ovviamente la pretesa di essere esaustivo: di sicuro, quelle elencate più avanti, sono fra le cose che prenderò.
Per informazioni più dettagliate, comunque, consiglio di andare alla sezione apposita del sito ufficiale.

24/10/12

LA MEGLIO GIOVENTÙ


A volte può essere difficile parlare dei lavori fatti da un amico: si rischia di perdere quel minimo di obiettività necessaria, di non mantenere più le distanze di sicurezza. Per fortuna, però, capita anche che la qualità dei lavori da recensire sia così buona da sollevarti da qualunque preoccupazione.
È il caso di Nazareno Giusti, un giovane (classe 1989) autore completo che seguo da oltre un anno, cioè fin da quando scrissi indegnamente la prefazione al suo secondo libro, "La firma", dedicato a Guido Rossa, il sindacalista ucciso dalle Brigate Rosse.

22/10/12

SHEBAM! POW! BLOP! WIZZ!

Nei rapporti non sempre facili fra "narrazione per immagini fisse" e "narrazione per immagini in movimento", non è stato raro osservare la sovrapposizione delle onomatopee tipiche dei fumetti agli effetti sonori caratteristici del cinema e della televisione, forse nel tentativo di restituire in qualche modo la fissità tipica delle strisce disegnate. Un effetto straniante, dagli esiti quantomeno bizzarri.
Credo che i primi esempi significativi in questo senso risalgano alla celebre serie televisiva di Batman, trasmessa negli Stati Uniti alla fine degli anni '60 del secolo scorso:



Un altro esempio, meno conosciuto ma davvero sorprendente, è costituito dallo "scopitone" della canzone "Comic Strip" (1968), interpretata da Serge Gainsbourg e da una deliziosa Brigitte Bardot con parrucca mora e costume rosa da supereroina:



Qui il video completo.

Tutti quelli che sono stati bambini negli anni '70 (sempre del secolo scorso), infine, si ricorderanno sicuramente dei cosiddetti "fumetti in TV" proposti da Gulp! prima e da Supergulp! poi:



L'esempio più recente e interessante è costituito dagli Scarabocchi animati di Maicol&Mirco, ma stavolta l'intento è assai raffinato: l'umorismo spietato già protagonista di oltre 300 scarabocchi disegnati e pubblicati su FB, ritrova tutta la sua virulenza anche nel formato video, grazie proprio alla parola-immagine scritta, che si sovrappone, perentoria ed inequivocabile, ad attori-fantoccio che inutilmente si agitano, impotenti e sempre destinati a soccombere. E alla fine, rimane solo il rosso.

Alessio Bilotta










16/10/12

AI CONFINI DELLA REALTÀ

Spesso mi capita di leggere su Facebook commenti inspiegabilmente entusiasti a disegni che starebbero meglio al posto delle prugne sulla confezione del celebre confetto purgativo.
Oggi ci ho provato anch'io, e ho pubblicato questo:

Ecco un'istantanea della conversazione:

Stupiti? Non dovete esserlo, perché Batman e la conversazione sono inventati, ma i commenti sono assolutamente verosimili. E li trovate anche a disegni peggiori del mio. 

Alessio Bilotta

15/10/12

CHI È BUBI?

Credo che tutti oggi abbiano visto il bellissimo "doodle" di Google, che celebra il 107° anniversario della prima pubblicazione, sulle pagine del New York Herald, di uno dei capolavori assoluti della storia del Fumetto, vale a dire "Little Nemo in Slumberland", di Winsor McCay.
La versione italiana del motore di ricerca più usato al mondo identifica la serie come "Bubi  nel paese del Dormiveglia", una dicitura a me nuova e che riprende la traduzione, oggi quasi sconosciuta, fatta a suo tempo dal Corriere dei Piccoli, prima testata a pubblicare Little Nemo in Italia negli anni '10 del secolo scorso.
Complimenti sinceri agli autori del logo animato, che ci mostrano un esempio molto interessante di fumetto che sfrutta alcuni canoni dell'animazione pur rimanendo sostanzialmente fedele ai propri.

Rimando, per maggiori informazioni su McCay e Little Nemo, al post come al solito informatissimo di Ned Bajalica, che rimanda a sua volta ad un vecchio articolo nel quale sembra che molte delle idee sviluppate da McCay fossero già state visualizzate da altri autori in Francia alla fine dell'Ottocento.

Alessio Bilotta

Un'immagine del "doodle" odierno

11/10/12

PRELIBATEZZE

"Nobrow" è una piccola casa editrice inglese attiva dal 2008, che si contraddistingue per l'eccezionale qualità e la raffinata ricercatezza delle sue proposte. All'attenta selezione degli autori e dei contenuti, si aggiunge una cura particolare nelle edizioni perché, come scrivono nella presentazione sul sito, fanno libri "meritevoli di essere stampati". Quindi, processi di stampa che puntano all'eccellenza, ricerca dei materiali e tirature basse, fra 1.500 e 6.000 copie e anche inferiori a 100, per una particolare linea editoriale. Vendite online e poi un punto vendita con galleria annessa a Londra.
Si è trattato, per me, di una scoperta molto recente, fatta grazie alla segnalazione di un amico: ammetto di non conoscere molti degli autori che sono pubblicati, e questo, se da una parte mi fa sentire molto ignorante, dall'altra rafforza la mia convinzione che esistano ancora molti territori interessanti tutti da esplorare.

Alessio Bilotta



09/10/12

REALITY BITES

Devo ammettere che il cosiddetto fumetto di realtà, tema del festival Komikazen di Ravenna giunto all'ottava edizione e in partenza questo giovedì, non mi ha mai entusiasmato troppo.
Ho sempre pensato che il Fumetto, un po' come tutte le arti visuali, fosse un medium più adatto a creare nuove realtà piuttosto che a raccontare quella di tutti i giorni, ma è anche vero che, negli ultimi tempi, abbiamo avuto esempi eccellenti di "reportage fumettistico", non ultimi i lavori di Delisle, Zograf, Zadié o Corona, protagonisti, fra gli altri, di una bella mostra allestita la scorsa primavera-estate a Tolentino.
Inoltre, il festival ravennate si distingue per la ricchezza e la qualità sia degli ospiti (oltre 30 autori, fra i quali anche Bacilieri, Palumbo e Riccardo Mannelli, presente con una personale) che delle proposte, in particolare la mostra "Nuova storia d'Italia a fumetti", che costituisce l'evento centrale della manifestazione a oltre 30 anni di distanza dell'opera analoga curata da Enzo Biagi; da segnalare anche il concorso per giovani autori "Reality Draws".
Insomma, in mezzo alle innumerevoli mostre e "mostricine" di giornalini ammuffiti, una proposta di buonissimo livello artistico e culturale, che spicca per coerenza intellettuale e originalità.

Alessio Bilotta

Il manifesto del festival, realizzato da Shout

05/10/12

STRIP ADVISOR

Alcuni consigli per gite fuori porta da fare in questo weekend:

  • Racconti a colori: 25 artisti interpretano 25 racconti selezionati dal premio "Racconti nella rete", inaugurazione sabato 6 ottobre alle 17:30 a Villa Bottini, Lucca. Fra gli artisti segnalo volentieri  Sauro Ciantini, Marilena Nardi e Massimo Cavezzali.
  • DOCartoon - Il disegno della realtà: 2° Festival Internazionale del Documentario Animato e del Fumetto Non-Fiction, dal 6 al 12 ottobre a Pietrasanta (LU). Fra le varie iniziative, una serie di eventi per festeggiare i 50 anni dall'incisione del primo singolo dei Beatles ("Love me do"), con la mostra delle tavole di Hervé Bourhis ("Il piccolo libro dei Beatles") e Arne Bellstorf ("Baby's in Black"), e la proiezione del film vincitore all'ultimo festival di Annecy, "Crulic, The Path to Beyond", di Anca Damian.
  • Internazionale a Ferrara, da ieri fino a domenica 7. Domani, sabato 6, incontro con David B. per la presentazione del suo ultimo libro pubblicato in Italia per Rizzoli, "Il mio miglior nemico. Storia delle relazioni tra Stati Uniti e Medio Oriente (Prima parte:1783-1953)".
C'è decisamente di che scegliere... buon weekend a tutti!

Alessio Bilotta

Illustrazione di Sauro Ciantini per il racconto "Cuore di mamma"

03/10/12

MIRACOLI

Nell'albo d'oro dei capolavori poco conosciuti, merita senz'altro un posto importantissimo "I miracoli di Val Morel", di Dino Buzzati.
Si tratta di una raccolta (ovviamente e squisitamente falsa, pura finzione letteraria) di miracoli attribuiti a Santa Rita da Cascia: ciascun miracolo è raccontato attraverso un'illustrazione, con una piccola parte di testo ad introdurla. Una delizia per gli occhi e per la mente, un riuscito amalgama di fantasia, mistero, gioco e ironia che conclude in modo ideale il percorso artistico di Buzzati (è stato il suo ultimo lavoro). Nel 2012 è uscita una nuova edizione Mondadori per celebrare i 40 anni della scomparsa di Buzzati, che diventa una lettura obbligatoria per tutti gli amanti della Nona Arte. Dopo tutto, si sta parlando dell'autore del primo vero romanzo grafico italiano, e cioè "Poema a fumetti", del 1969.

"Dipingere e scrivere per me sono in fondo la stessa cosa" (Dino Buzzati)

Trot Andreina rapita dal demonio in cielo salvata dalla santa

01/10/12

TCBF 2012: I PREMI

Assegnati ieri, nella giornata conclusiva del festival trevigiano, i premi "Carlo Boscarato" 2012.
Condivido le scelte fatte, che mi sono sembrate all'insegna della qualità ed attente ad autori giovani o poco conosciuti.
Apprezzo soprattutto i riconoscimenti a Bacilieri, PedrosaPenco e Bao Publishing, mentre mi lascia molto perplesso, per la terza volta dopo Lucca e Napoli, la premiazione tardiva di "Asterios Polyp", un libro sicuramente straordinario ma già vecchio di 3 anni.

A seguire i premi principali, qui il palmarès completo.

Miglior fumetto italiano: Sweet Salgari, di Paolo Bacilieri (Coconino)
Miglior fumetto straniero: Asterios Polyp, di David Mazzucchelli (Coconino)
Miglior autore straniero: Cyril Pedrosa per "Portugal" (Bao) e "Autobio" (QPress)
Miglior disegnatore italiano: Michele Penco per "Racconti azzurri" (Double Shot)
Miglior sceneggiatore italiano: Matteo Casali per "99 giorni" (Panini)
Miglior autore unico italiano: Giulia Sagramola per "Bacio a cinque" (Topipittori)
Migliore realtà editoriale italiana: Bao Publishing
Autore rivelazione: Fabio Babich per "Bugs" (001)

Alessio Bilotta

Salgari secondo Paolo Bacilieri

30/09/12

DA NON PERDERE

Alcune brevi segnalazioni di cose interessanti apparse in rete nell'ultimo periodo:

  • "Minimal Zen Hardcore Comic Strip", di Giorgio Trinchero per Mammaiuto: l'ultima frontiera della striscia, in cui si eliminano completamente i disegni riuscendo a non tradire i canoni narrativi del fumetto. Intelligente e provocatorio, oltre Longhsot Comics e da approfondire in un prossimo post.
  • "Emanuele Taglietti Fan Club": un blog dedicato al grande artista ferrarese, autore di centinaia di copertine per i tipi della Edifumetto: eros, horror, mostri e bellissime ragazze nude, il tutto disegnato sempre in modo estremamente elegante ed evocativo. Per farvi sentire piacevolmente in colpa.
  • "Dime Web - Quaderni bonelliani": vent'anni dopo "Dime Press", cioè la rivista dedicata interamente all'universo Bonelli, il magazine rinasce in formato blog. Gli artefici sono gli stessi di prima, fra i quali mi piace ricordare soprattutto Saverio Ceri e Francesco Manetti, che insieme a Moreno Burattini inaugurarono a Prato la fumetteria Mondi Paralleli, nella quale ho trascorso molte ore piacevoli e dove ho formato il mio gusto personale. In bocca al lupo ragazzi!
Alessio Bilotta
Minimal Zen Hardcore Comic Strip #5 

28/09/12

WERTHAM È VIVO E LOTTA INSIEME A NOI

Forse avrei dovuto fare come suggerito da Giorgio Trinchero, ed ignorare l'articolo che ho appena letto...
Però non ci riesco, anche perché la giornata era iniziata con un post che sta girando su Facebook dove si può leggere l'incredibile definizione di "fumetto" data da un dizionario.
E quindi ecco a voi il pezzo di tale Ruttilio Sermonti, un concentrato di presunzione, ignoranza, muffa e noia che difficilmente potrà essere superato:
http://www.rinascita.eu/index.php?action=news&id=16929

Buona lettura. Si fa per dire.

Alessio Bilotta

Vignetta tratta da qui.
Continuiamo così, facciamoci del male

27/09/12

SERGIO BONELLI, UN ANNO DOPO

È già passato un anno della morte di Sergio Bonelli, e proprio non mi sembra vero che sia trascorso tutto questo tempo, al di là delle frasi fatte.
Spero mi perdonerete se non sono mai riuscito ad interessarmi davvero ai personaggi della casa editrice milanese, però ho sempre ammirato la passione, la serietà e la professionalità che Bonelli metteva nel suo lavoro. Caratteristiche davvero rare da ritrovare, soprattutto nel mondo dell'editoria italiana.
Mi ha colpito il fatto che non ci siano state grandi celebrazioni, ma quasi solo articoli "dovuti", scritti senza troppo cuore. Come sempre molto interessanti le segnalazioni di Luca Boschi, che ci parla di una serie importante di tributi organizzata da un blog portoghese. Per il resto, poco altro, compreso lo scarno comunicato presente sul sito ufficiale della casa editrice. Magari però mi è sfuggito qualcosa, che vi prego nel caso di segnalarmi... chissà, forse Sergio non avrebbe amato certe celebrazioni, e forse chi lo conosceva bene lo sa.
Personalmente, mi sono piaciuti molto la bellissima foto che ha messo Paola Barbato sul suo profilo Facebook e l'articolo di Ned Bajalica, che ricorda una delle storie più belle, a suo dire, scritte da Nolitta/Bonelli. E penso che alla fine sia questo il modo migliore di ricordarlo, attraverso il suo lavoro.

Alessio Bilotta

Un omaggio di Bruno Brindisi a Sergio Bonelli,
qui ricordato con un "fake" che ci rimanda ad una delle serie più belle da lui prodotte

26/09/12

DISCERNERE IL GRANO DAL LOGLIO

Il logo del Festival di Treviso
Proprio l'altro giorno, un amico mi faceva sapere che anche a Città di Castello c'è un festival del Fumetto, dal misterioso nome (per i non autoctoni) di Tiferno Comics.
Dopo aver recentemente appreso anche dell'esistenza delle indispensabili Etna Comics e FalComics, mi sono chiesto se qualcuno avesse mai censito tutte le innumerevoli fiere che si svolgono in Italia.
Una risposta, autorevolissima, me l'hanno data quelli dell'ANAFI, e la potete leggere qui anche voi.
I numeri parlano chiaro, e sono davvero impressionanti: da qui alla fine dell'anno ci aspettano ben 18 (diciotto!!!) mostre mercato! Che è come dire, facendo una media brutale, un evento ogni 5 giorni.
Mi chiedo, sconsolato, se tutto questo abbia un senso, se rabberciare un evento con qualche tavola e qualche autore raccattati qua e là, oltre agli inevitabili cosplayer, sia davvero qualcosa che fa bene al movimento.

25/09/12

YOUNG STATION 4

Una delle cose più importanti che mancano quasi sempre nei numerosissimi festival del Fumetto organizzati in Italia, sono i concorsi. Nel passato, invece, non era così, perché chi ha qualche primavera in più come me ricorderà certamente il concorso che per tanti anni si è tenuto a Prato, vale a dire il Premio Pierlambicchi, concorso con il quale si sono cimentati molti autori che adesso lavorano come professionisti.

È quindi con vero piacere che annunciamo la quarta edizione del Festival Young Station, che anche quest'anno si terrà a Montemurlo (PO), dal 25 al 28 ottobre prossimi, sempre con una sezione e un concorso specifici dedicati al Fumetto. E anche quest'anno noi di Slowcomix saremo presenti come partner dell'evento.

Gli elaborati, di lunghezza non superiore alle 3 tavole, dovranno essere inviati entro il prossimo 8 ottobre, ma per tutti i dettagli vi rimando al bando ufficiale del concorso, che trovate qui.
Per il vincitore, un premio di 200 €, mentre per l'elaborato più votato dal pubblico un buono di 100 € da spendere presso la fumetteria "Mondi Paralleli" di Prato, anch'essa partner dell'iniziativa.

Ringrazio, per la splendida opportunità data a tutti gli appassionati, l'amico Simone Cinelli, factotum del Festival, e chiudo augurando a tutti un buon lavoro. In bocca al lupo!!!

Alessio Bilotta



20/09/12

LA CLINICA DEI FUMETTI ep. 1

Nella vostra collezione ci sono dei fumetti malmessi? Presentano macchie, scarabocchi o strappi?
Niente paura, da oggi il nostro esimio dottore dei fumetti, l'amico Claudio Magni, dall'alto della sua pluriennale esperienza nella riparazione di libri e giornalini, regalerà alcuni preziosi consigli alla portata di tutti.
Se invece i vostri fumetti non sono malmessi ma sono brutti, il consiglio è quello di buttarli direttamente nel cassonetto della carta.

Alessio Bilotta

Pagina irrimediabilmente compromessa a causa della muffa


Uno dei crucci più comuni degli appassionati è quello di avere alcuni volumetti, strisce, raccolte della propria collezione più o meno danneggiati. Strappi, scorticature della copertina, nastro adesivo, scritte di biro o pennarello, muffa sono fra i più comuni problemi ai quali possiamo trovarci di fronte. Certe volte, rinunciare al proprio “pezzo” acquistandone uno in condizioni migliori, può significare un esborso che può essere facile evitare.

18/09/12

LA PREISTORIA DELL'ARTE SEQUENZIALE

L'archeologo francese Marc Azéma dell'Università di Tolosa, in un articolo apparso sul numero di giugno della rivista Antiquity, ha reso noti i risultati di uno studio secondo il quale i graffiti paleolitici rinvenuti in molte grotte (roba di 30.000 e passa anni fa!) sarebbero una forma embrionale di animazione. Questo spiegherebbe perché molte figure hanno diverse parti del corpo (teste, zampe, code) disegnate più volte in modo sovrapposto. L'illusione dell'animazione sarebbe stata ottenuta facendo oscillare la luce delle torce sui graffiti. Qui un articolo in inglese sulla notizia.
Una scoperta davvero straordinaria, e un contributo inaspettato per approfondire i legami fra fumetto e animazione.
Buona visione!

Alessio Bilotta

17/09/12

CRISTALLI DI FUTURO

Dopo le lunghe discussioni degli ultimi post sulla manifestazione pratese, che speriamo portino davvero a qualcosa di buono, possiamo uscire a "riveder le stelle", letteralmente.
Infatti vi propongo con grandissimo piacere un interessante articolo su Moebius di Claudio Magni, la nostra memoria storica. Ad una delle conferenze pratesi è stato detto che le storie di Blueberry sono migliori di tutto quello che il grande autore francese avrebbe fatto dopo: un'osservazione rispettabilissima, ma sulla quale noi non siamo d'accordo, perché nelle sue opere a carattere fantastico  Moebius ha inventato mondi interi e creato nuovi immaginari che ancora oggi non smettono di affascinarci.
Buona lettura.

Alessio Bilotta



È arduo per me affrontare quello che si può considerare l’autore che più di ogni altro, forse, ha segnato il secolo scorso. Dire qualcosa di nuovo, o almeno che non sia stato affrontato che poche volte, è impossibile.

16/09/12

L'UOMO CHE CADDE SU PRATO COMICS+PLAY



La prima giornata della mostra mercato di “Prato Comics+Play 2012” è andata.
In estrema sintesi, si può dire che l’obiettivo di fare una festa colorata con un po’ di musica, qualche stranezza e tanti ggiovani sia stato raggiunto. L’affluenza mi è sembrata discreta, il colpo d'occhio anche, per quanto si sia potuto chiaramente constatare come i tanti “mondi” riuniti in questo evento (fumetto, GDR, cosplay, creativi fiscali, lipoterapisti ecc.) in realtà si sfiorino appena, senza mai amalgamarsi davvero, pur in un ambiente così piccolo. Tra parentesi, mi è stato confermato da chi conosce bene questi ambiti, che anche altre associazioni cittadine, stavolta di giochi e cosplay, sono state escluse dall’organizzazione: mi spiace e mi sembra un errore davvero stupido, ma ormai su questi concetti mi sono già espresso, è inutile ritornarci sopra.

14/09/12

PRATO COMICS+PLAY 2012: PER FORTUNA CHE SILVIA C'È


Gli elegantissimi componenti di Mammaiuto (e una scala)
Oggi pomeriggio, come da programma ufficiale, era previsto l’intervento degli amici di Mammaiuto, che avrebbero spiegato come risolvere tutti i problemi del fumetto in Italia. Purtroppo però non è stato possibile ascoltarli, perché per questa volta, come in un beffardo contrappasso alla rovescia, forse sono stati i problemi del fumetto ad avere la meglio. Ma magari anche no, come scoprirete leggendo.

C’È VITA, FRA LE NUVOLE




Ci sono diverse questioni che non capisco nel mondo del fumetto italiano, ma un paio in particolare mi lasciano parecchio inquieto:
- le logiche distributive, intese come canali utilizzati e pubblico potenziale da raggiungere;
- la quasi totale assenza di proposte umoristiche.

Anche per questo segnalo con estremo piacere i dati ufficiali comunicati da Paolo Di Tonno di digiDuck: oltre 60.000 download (e più di 700 commenti) nello scorso weekend dell’App per iPhone e iPad di Nirvana, striscia del grande Roberto “Tot” Totaro, presente da oltre 15 anni sugli scaffali italici.
Sessantamila!!! Il che significa "solo" 20-25.000 utenti in meno degli acquirenti settimanali di Topolino in edicola (dati del 2011, vedere qui), e quasi metà spettatori di un’edizione importante di Lucca Comics. Numeri degni del massimo rispetto, certamente agevolati dalla promozione in corso che consentiva di scaricare gratuitamente l’App, ma che, in ogni caso, superano abbondantemente le vendite di tantissimi periodici da edicola, per tacere dei graphic novel da libreria.
Mi si dirà che sono cose molto diverse fra loro, e che è inappropriato confrontarle: è vero, ma è altrettanto vero che questi dati dimostrano come, con idee nuove, si possano raggiungere molte più persone di quelle che si penserebbe.
E dimostrano anche, evidentemente, che non solo chi partecipa alle fiere di settore può essere interessato ai fumetti.

Alessio Bilotta

Una striscia metalinguistica di Tot